Figure presepiali in stoppa e fil di ferro 

                              

Un' idea semplice che adatta la figura alla scena

 

      Il presepe, la sacra rappresentazione della nativitÓ, assimila nel corso dei secoli tendenze artistiche culturali e sviluppa caratteristiche proprie. Arte impropriamente definita minore, trova le condizioni ottimali nella Napoli del seicento e settecento per una convergenza di cause fortunate : la ricca committenza borghese, l'interesse della Corte, il fermento culturale di una capitale europea, la scuola di Capodimonte, San Leucio.

La scenografia presepiale Ŕ per i Gesuiti ed altri ordini religiosi momento pedagocico,  laboratorio didattico, rappresentazione del sacro e del quotidiano dove l'uomo non Ŕ spettatore inerte ma inserito nel contesto. La scena acquista un nuovo ruolo e necessita di figure che si possono manipolare. Nel periodo natalizio  fervono i preparativi per la realizzazione del presepe e sono proprio i Gesuiti a portare a Napoli manichini articolati, che sono successivamente sostituiti da figure con il corpo costituito da stoppa e fil di ferro, soluzione efficace ed economica.  

 

 


        

Foto particolari      Nex        Auto/Stop